Logo versione mobile
21 / 09 / 15

Il mais in Italia: una storia lunga 500 anni


Fonte alimentare primaria delle popolazioni del Centro e Sud America, il mais (Zea mays L.) arrivò sulle nostre tavole oltre 500 anni fa grazie a Cristoforo Colombo. A partire dalla metà del 1600 inizia a essere largamente coltivato, diventando l’ideale sostituto del sorgo, del miglio e della segale.

Coltivato inizialmente nella parte orientale del Veneto e in Friuli Venezia Giulia, a partire dal ‘700 il mais si estende anche nelle province lombarde, piemontesi ed emiliane. Nei primi anni del 900 in Italia si coltivano già circa 2 milioni di ettari a mais destinati prevalentemente all’alimentazione umana.

Tra il 1948 e il 1958, con l’introduzione degli ibridi, la produzione italiana di mais passa da 20 a 40 milioni di quintali. Le tecniche agronomiche vengono adeguate alle nuove sementi e si adottano setti di semina più ridotti passando dalle 3-4 piante/mq delle varietà tradizionali alle 6-7 piante/mq dei nuovi ibridi.

L’evoluzione del comparto cerealicolo ha avuto il suo apice negli ultimi 20 anni, con uno sviluppo del mais fortemente predominante nelle regioni italiane della valle del Po.

Insieme al riso e al frumento, il mais è una delle principali produzioni agricole al mondo fornendo circa il 60% delle derrate alimentari consumate da 7 miliardi di persone globalmente. Recentemente il mais viene inoltre impiegato in modo importante come biomassa per la produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili e biocarburanti.

Nel 2007 Birra Peroni ha dato il via al progetto “Mais Nostrano” che recupera alcune varietà di mais autoctone: le caratteristiche colturali e organolettiche di queste varietà sono state selezionate per la produzione di birra. Il risultato è un mais 100% italiano che coniuga alcune caratteristiche delle varietà tradizionali con la ricerca di un gusto moderno e fresco, per ottenere birre di grande qualità, come Nastro Azzurro, la birra italiana più esportata nel mondo.

TAG:

X
Questo sito usa i cookie per offrirti la migliore esperienza possibile. Procedendo con la navigazione sul sito o scrollando la pagina, accetti implicitamente l'utilizzo dei cookie sul tuo dispositivo. Informativa sull'utilizzo dei cookie Accetto