Logo versione mobile

La raccolta dell’orzo 100% friuliano

La tappa di oggi ci porta fino nel cuore del parco della Stella, ad Ariis, nella campagna di Rivignano – in provincia di Udine, un luogo che nell’epoca Romana rivestiva un luogo strategico per il commercio del sale e che vedeva il fiume Stella come una delle principali autostrade dell’epoca.

Ed è sul fiume Stella che si specchia Villa Ottelio, location prescelta per l’evento di oggi, dove il nostro orzo cresce rigoglioso, e famosa per essere stata il vero teatro di una delle più famose storie d’amore dell’età moderna, Giulietta e Romeo.
I luoghi natii di Giulietta ed i campi d’orzo che circondano la Villa, diventano testimoni della rinascita di un prodotto locale che riprende vita proprio nella terra che l’ha visto nascere nel 1881. Per parlarvi di Birra Dormisch partiamo dalle origini di questo prodotto, radicate in una terra di confine che nel corso dei secoli ha saputo conservare il suo “spirito friulano”, espresso in tutta la sua ricchezza e qualità dal suo ingrediente principe: l’orzo 100% friulano.

Birra Peroni festeggia infatti insieme alla filiera agricola locale la raccolta dell’orzo distico da birra 100% friulano, coinvolgendo in loco, proprio sui campi dove la preziosa materia prima nasce e cresce, i propri partner, i clienti e le istituzioni locali, per celebrare non solo un prodotto, ma un senso di appartenenza al proprio territorio che si mescola alla tradizione e alla qualità di un prodotto autentico.

Nata nel 1881 nella storica ghiacciaia di Resiutta – ai piedi della Alpi Carniche – grazie all’intuito del fondatore, l’imprenditore Francesco Dormisch, il ritorno di Birra Dormisch è stato fin da subito ispirato e segnato dal profondo legame con il proprio territorio e dal recupero dell’antico e tradizionale processo produttivo: oltre ad essere prodotta con Orzo 100% Friulano, fedele alla ricetta originale che in passato ha reso celebre la Dormisch, il Mastro Birraio, il friulano Raffaele Sbuelz, ha infatti scelto di recuperare e adottare l’originale processo “ad infusione”, una tecnica storicamente utilizzata per le birre di Puro Malto che conferisce al prodotto il suo gusto morbido e rotondo.

Ma la cosa più importante, è il valore che si cela dietro, e dentro Birra Dormisch. Il lavoro che coinvolge circa 80 aziende agricole della rete ASPROM, il consorzio di imprese del territorio che producono e forniscono l’orzo utilizzato per produrre la birra.
Parliamo di più di 400 ettari coltivati, con oltre 80 tonnellate di seme e un raccolto che raggiungerà circa 1.500 tonnellate di orzo distico da birra, rigorosamente 100% friulano.

E’ proprio questo il senso di questo progetto, quando più che di rilancio parliamo di “restituzione” di un marchio storico al proprio territorio d’origine.

X
Questo sito usa i cookie per offrirti la migliore esperienza possibile. Procedendo con la navigazione sul sito o scrollando la pagina, accetti implicitamente l'utilizzo dei cookie sul tuo dispositivo. Informativa sull'utilizzo dei cookie Accetto